Ponte 25 aprile nei dintorni di Mammarella

PARCO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM

Martedì 25 aprile e lunedì 1° maggio il Museo e l’area archeologica di Paestum saranno regolarmente aperti. Gli orari di apertura saranno regolari: dalle 8:30 alle 19:30 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 18.50); Inoltre fino al 30 aprile 2017 al Museo Archeologico Nazionale di Paestum, sala “cella” il Parco Archeologico di Paestum affronta il tema della difesa del patrimonio con la mostra Possessione. Trafugamenti e falsi di antichità a Paestum.Per info http://www.museopaestum.beniculturali.it/

OASI WWF DI PERSANO

 Segnaliamo per gli amanti della natura e per i più piccoli che l’Oasi WWF di Persano il giorno dellla Festa della Liberazione è aperta della ore 10.00 alle 17.00 con possibilità di visite libere o guidate prenotando al 0828 974 684. L’area si estende per circa 110 ettari ed è conosciuta soprattutto per la presenza della lontra, splendido e raro mammifero terrestre a rischio in Italia., è dotata di area pic-nic disponibile nei pressi del centro visite (no barbecure). Per maggiori informazioni www.wwf.it/oasi/campania/persano/

 MUSEI PROVINCIALI DI SALERNO

 Agli amanti dell’arte segnaliamo l’apertura straordinaria dei Musei Provinciali di Salerno il giorno 25 Aprile:

1.  Castello Arechi di Salerno: ore 9.00/14.00

2. Museo della Ceramica di Villa Guariglia: ore 9.00/14.00

3. Pinacoteca Provinciale di Salerno: ore 9.00/14.00

4. Museo Archeologico Provinciale di Salerno: ore 9.00/14.00

5. Museo RAAP di Villa De Ruggiero di Nocera Superiore: ore 9.00/14.00

6. Museo Archeologico della Lucania Occ. di Padula: ore 9.00/14.00

FESTA DEL CARCIOFO DI PAESTUM

Passando al gusto, potrete deliziare il vostro palato con uno dei prodotti tipici del nostro territorio, il carciofo, che sarà protagonista della IX edizione della “Festa del Carciofo di Paestum IGP”. Dopo il successo ottenuto a Berlino, Caserta e Roma il principe degli ortaggi, il Carciofo di Paestum IGP, sta per tornare ad essere protagonista della festa in suo onore che si terrà nei giorni 24 -25-26-27-28-30 Aprile e 1^ Maggio 2019 nel suggestivo borgo di Gromola a Capaccio-Paestum, a solo 10 minuti di auto dal MAMMARELLA.
Si potranno degustare tantissimi piatti che avranno proprio come ingrediente principale il carciofo: penne con carciofi e speck, risotto con carciofi dorati e fritti, pizza fritta, pizza margherita e pizza con carciofi, bruschette con crema di carciofi e speck, caciocavallo impiccato al sapore di carciofo, carciofi e patate al forno, per i più piccoli ci saranno patatine fritte con crema di carciofi, e dulcis in fundo sfogliatella ripiena con ricotta e carciofi.  Oltre all’aspetto culinario verranno aperti importanti momenti di riflessione sul tema dell’alimentazione e sull’apporto nutrizionale e organolettico del carciofo alla dieta mediterranea. L’evento sarà ancor più rinnovato, ricco di sorprese e allietato da spettacoli musicali.
Per il programma dettagliato e maggiori informazioni www.festadelcarciofo.it/

MADONNA DELLE GALLINE

In un mix tra sacro e profano, tra devozione e folclore si rinnova a Pagani, in provincia di Salerno, una manifestazione che si celebra la prima domenica successiva alla Pasqua che richiama ogni anno nella cittadina dell’agro-nocerino-sarnese migliaia di devoti, turisti e curiosi provenienti da tutta la regione e non solo: la festa della Madonna delle Galline in programma da venerdì 21 a martedì 25 aprile.
Parallelamente alla processione un gran numero di persone si riunisce nel paese per danzare e suonare fino a notte inoltrata. Questa curiosa festa religiosa, dal nome insolito, si rifà ad un episodio leggendario: un’effigie della Madonna, sotterrata anticamente per sottrarla alla temperie iconoclasta o alle scorribande saracene, fu rinvenuta grazie al ‘raspare’ di alcune galline. In realtà, si hanno notizie che già dal VII secolo i contadini Paganesi offrissero in dono delle galline come devozione alla Vergine. Al culto dell’immagine dette n forte impulso la guarigione di uno storpio avvenuta agli inizi del secolo XVII e attribuita all’intervento della Madonna delle Galline’.
Quest’anno, la festa religiosa entrerà nel vivo domenica 23 aprile, con l’apertura delle porte del Santuario della Madonna del Carmelo e l’avvio della processione che toccherà tutte le strade e le contrade di Pagani. Dalla sera di domenica, poi, la fede lascia spazio alla tradizione, con la consueta tammurriata che andrà avanti per tutta la notte fino alle prime luci dell’alba di lunedì, quando il popolo festante andrà a deporre le tammorre utilizzate per i suoni ed i balli ai piedi della Vergine all’interno del Santuario, che sarà poi lasciato intonando un antico canto popolare.
Non vi resta che prenotare il vostro soggiorno all’Hotel Palace, per immergervi in un weekend di arte, gusto e tradizioni.